LEGO Star Wars: Recensione di Skywalker Saga

LEGO Star Wars: La saga di Skywalker è un crogiolo di scelte narrative confuse, gameplay drammaticamente vario e, soprattutto, puro divertimento in una galassia lontana, molto lontana. 

Il 27 agosto 1859, Edwin Drake divenne il primo uomo a colpire il petrolio negli Stati Uniti. Più di $ 40,000 di contanti degli investitori e innumerevoli ore di lavoro hanno finalmente ripagato, aprendo la strada a ciò che ORARIO descritto un secolo dopo come "la più grande singola fonte di ricchezza in America" ​​e sostanzialmente ridefinendo l'economia mondiale per i decenni a venire.

Nel 2005, TT Games ha fatto la stessa cosa (su scala certamente molto più piccola) per il LEGO spazio per videogiochi con LEGO Star Wars: Il videogioco. Rivoluzionario all'epoca, quell'assemblaggio accuratamente realizzato della trilogia prequel in mattoni virtuali è stato salutato al momento del rilascio come non solo il migliore LEGO videogioco fino ad oggi, ma anche uno dei migliori Star Wars giochi di tutti i tempi. TT fece oscillare il piccone e colpì l'olio.

Ma per il decennio e mezzo (e gli innumerevoli giochi) che seguirono, lo studio ha effettivamente abbattuto gli strumenti e smesso di scavare, soddisfatto delle taglie che aveva scoperto la prima volta che aveva chiesto. La formula originale è stata minata nell'oblio, con solo piccole modifiche lungo il percorso, così che nel tempo LEGO DC I supercriminali sono arrivati ​​​​nel 2018, era difficile non sentirsi come se non fossimo in qualche modo ancora bloccati nel 2005, a giocare perennemente allo stesso gioco con solo una skin diversa, come un terribile spin-off di Groundhog Day.

Lego

L'estate successiva – e con il deludente e ormai quasi dimenticato The LEGO Movie 2 Videogame inserito nel mezzo – ha annunciato TT LEGO Star Wars: La saga di Skywalker. E così facendo, ha promesso ancora una volta di raccogliere la sua ascia e start scavando. Quello che è seguito è stato senza precedenti: ritardi multipli, una pandemia e enorme turnover del personale in uno studio secondo quanto riferito afflitto da crunch, tutto traboccante di frustrazione per i fan e – per la gioia di TT, senza dubbio – potenzialmente il massimo montatura mai generato per un singolo LEGO video gioco.

Tre anni dopo, LEGO Star Wars: La saga di Skywalker è finalmente arrivato. E attraverso nove diversi film, 20 diversi pianeti e circa 400 personaggi, TT Games ha fatto del suo meglio per portare gli stanchi LEGO formula di videogiochi che scalcia e urla negli anni 2020, nel bene e nel male.

In apparenza, questo è un gioco di ottava generazione (annunciato molto prima che PS5 e Xbox Series X avessero la possibilità di sognare la carenza di azioni) e per molti versi radicalmente diverso dal resto della produzione di TT Games negli ultimi dieci anni e mezzo. Ma ribollire sotto la grafica brillante, la nuova angolazione della telecamera e i sistemi di combattimento ottimizzati sono tutti gli stessi simboli di enigmi di base, gameplay superficiale e contenuti ripetitivi che hanno afflitto questa serie per più di una generazione di console, apparentemente inevitabile nei contesti di ciò che significa essere a LEGO videogioco: una scatola da cui TT Games non può evadere, per quanto tenti di reinventare la ruota.

È una cosa negativa? Non necessariamente. C'è qualcosa di confortantemente familiare in a LEGO videogioco, e sono passati tre anni dall'ultimo – The LEGO Movie 2 Videogame – e ben sei anni dall'ultima volta che lo studio si è avventurato in una galassia lontana, lontana in LEGO Star Wars: Il risveglio della forza. Questo è un approfondimento sostanzialeartura da quando uscivano due o tre volte l'anno, e non potevi evitare la verità lampante che erano effettivamente lo stesso gioco con una nuova mano di vernice.

In quel modo, la Skywalker SagaI moltissimi ritardi funzionano davvero a suo vantaggio: non solo perché il montatura perché il gioco è cresciuto fino a raggiungere proporzioni intergalattiche inimmaginabili, ma anche perché ha dato al gioco il respiro di cui ha bisogno per brillare davvero sul retro di non meno di 15 anni consecutivi con almeno un LEGO videogioco di TT Games.

E a merito dello studio, molti dei cambiamenti qui brillano davvero. La prima cosa che noterai all'avvio del gioco – e probabilmente non mancherai mai di apprezzare durante il tuo tempo con esso – è quanto sia incredibile. Stiamo ancora parlando LEGO, quindi è in gran parte giocattolo rispetto al realistico - ombre semplici, colori brillanti - ma tocchi accurati (come agenti atmosferici in ambienti sabbiosi o innevati e illuminazione d'atmosfera) spingono le cose al limite, senza sacrificare la sensazione che stiamo solo giocando in un grande giocattolo scatola.

Ritrovare quella sensazione di riversare tutto il tuo Minifigure LEGO e spedisce sul pavimento è probabilmente cosa La saga di Skywalker fa meglio, pagartsolo a forza di riunire per la prima volta tutti e tre i personaggi delle trilogie. Correre in giro per Kamino con Rey e la principessa Leia, sconfiggere il conte Dooku con Maul (chi è il miglior Signore dei Sith adesso?) e saltare sul dorso di un Bantha con l'imperatore Palpatine è il momento in cui entra davvero in funzione, il culmine di 17 anni di LEGO Star Wars fantasie di videogiochi.

Ok, sappiamo cosa stai pensando: dicci qualcosa che non sappiamo già. (Calcolalo con le nostre abilità mentali Jedi.) Mescolare personaggi e storie è stato divertente LEGO Star Wars: Anche la saga completa. Aggiungendo una extra Il valore dei personaggi della trilogia (e poi alcuni, attraverso il DLC) è fantastico. Ma cosa fa La saga di Skywalker do diversamente?

Bene, c'è il gameplay. Sì, stai ancora correndo principalmente da un'area all'altra, facendo a pezzi o sparando ai nemici, risolvendo un paio di enigmi, quindi vai avanti. Ma c'è abbastanza varietà intrecciata nei nove episodi principali del gioco e nei 45 livelli che non ti annoierai mai.

Un minuto stai sparando contro gli Stormtroopers, quello dopo sei bloccato in un combattimento con la spada laser, poi sei nello spazio a fare i conti con il combattimento aereo, e cos'è questo, ora è un gioco di difesa della torre? Ci sono molti ingredienti gettati nella grande vecchia pentola che ci ha dato La saga di Skywalker – doveva esserci, in tutti questi livelli – ma anche se non tutti cantano (il combattimento spaziale a volte sembra stranamente lento e le gare ti faranno strappare i capelli, come è il modo di LEGO videogiochi), sono sufficienti per tenerti impegnato.

E sembra tutto molto più coinvolto di qualsiasi altro precedente LEGO gioco, anche. Mirare con il grilletto sinistro e sparare con il destro non sembra appartenere ad a LEGO videogioco all'inizio - la memoria muscolare ci ha fatto premere automaticamente il pulsante di attacco in mischia per un po' - ma alla fine scatta tutto, specialmente con il nuovo angolo di ripresa sopra la spalla, che sostituisce quello classic vista aerea per portarti davvero in quello che sta succedendo. Sei laggiù, sul pavimento, con tutte le tue minifigure, e non devi nemmeno fare i rumori del "banco da banco". (Gloriosamente, c'è un extra questo lo fa per te.)

Detto questo, La saga di Skywalker inoltre non può sfuggire all'inevitabile conclusione di alcuno Star Wars gioco che ti dà la possibilità di impugnare una spada laser, e basta sceglierai sempre la spada laser. Sparare ai cattivi con i blaster va bene, ma non appena sblocchi il tuo primo personaggio Jedi, non vorrai più tornare indietro. La buona notizia è che anche il combattimento con la spada laser ha avuto un aggiornamento, anche se è un po' più a livello di superficie rispetto alle sparatorie.

Ora puoi mettere insieme attacchi combo, per esempio, ma non c'è davvero alcun grande vantaggio nel farlo, e la maggior parte delle cose buone è ancora legata a un singolo pulsante. Mashing Square (su PS4/5), proprio come ai bei vecchi tempi, è ancora il modo più efficace per abbattere droidi e soldati generici – partsoprattutto quando scendono con così pochi colpi. (Non un colpo, però: questi droidi da battaglia possono subire un pestaggio rompicapo, parlando con un altro difetto di lunga data in Star Wars videogiochi in genere.)

Le battaglie contro i boss ti danno più spazio per sperimentare, ma non a vantaggio del gioco. Tuttavia, vale la pena scherzare con diverse combinazioni di pulsanti solo per quanto tutto sia bello sullo schermo, che si tratti di bloccare gli attacchi con la spada laser, schivare un nemico all'ultimo momento o usare la Forza per lanciare una cassa nella parte posteriore della loro testa. Ci sono (naturalmente) molte opportunità per farlo durante i prequel, partin particolare in Revenge of i Sith, che rispecchia il film facendo in modo che ogni secondo momento coinvolga lo scontro di spade laser.

Non tutti i combattimenti con la spada laser nell'Episodio III sono giocabili LEGO Star Wars: La saga di Skywalker, tuttavia, il che ci porta al nostro principale punto di contesa con il gioco: la sua narrativa schiacciata, riscritta e del tutto confusa. Queste sono storie ben raccontate a questo punto, attraverso il grande schermo, libri, fumetti, videogiochi - sette di loro LEGO videogiochi, nientemeno, e TT Games ne è chiaramente consapevole nel modo in cui li ha presentati qui. Ma come celebrazione finale di tutte e nove le linee principali Star Wars film, di conseguenza è un po' fuori bersaglio.

Concentrandosi su quelli parts dei film precedentemente ignorati LEGO Star Wars: Il videogioco, LEGO Star Wars II: La trilogia originale e così via, La saga di Skywalker cerca di colmare le lacune per quei giocatori che sono stati in giro sin dall'inizio, dall'inseguimento sottomarino Gungan in The Phantom Menace a una battaglia con un boss con Dianoga in Una nuova speranza. Ma così facendo, scorre i momenti cruciali di tutti e nove i film: l'arresto del cancelliere Palpatine in Revenge of i Sith è un filmato; Il trucco mentale Jedi di Obi-Wan a Mos Eisley è un segmento open world fin troppo breve e non rigiocabile.

Quei momenti del mondo aperto fungono da snodi narrativi per ciascuno dei nove film, rappresentando un altro cambio di paradigma nel modo in cui TT Games si è avvicinato a questo particolare LEGO gioco. Il classic i livelli come li conosciamo – minikit, misuratori True Jedi – sono relegati a scene minori, apparentemente intercambiabili con qualsiasi altro part dei rispettivi film (perché un'area è un livello e un mondo aperto? Molto spesso, è difficile da dire), e per lo più della durata di pochi minuti.

Questo è molto lontano dai livelli gonfi di LEGO videogiochi di recente, molti dei quali hanno persino utilizzato checkpoint di medio livello per consentire ai giocatori di prendersi una pausa. Lasciare LEGO Star Wars: La saga di Skywalkeri livelli in raffiche più brevi, intervallati da un gameplay open world, hanno il vantaggio di rendere tutto più accessibile: puoi giocare senza dedicare ore al gioco, un approccio forse adottato di nuovo con il veterano LEGO in mente i videogiocatori.

Ma pone anche la domanda: perché preoccuparsi dei livelli? Se i segmenti del mondo aperto che si trovano tra di loro non sono rigiocabili - e non lo sono - perché attenersi rigidamente a partelementi iculari del LEGO formula del videogioco che altrimenti sarebbe stato meglio lasciar perdere? Se la risposta è che essere in grado di rigiocare i livelli è fondamentale LEGO esperienza di videogiochi, quindi è solo più deludente che così tanta parte della narrazione avvenga oltre i confini di quelle sezioni rigiocabili.

Anche alcune scelte intorno a quelle aree del mondo aperto sono davvero sconcertanti. In Attack of the Clones, i Jedi si presentano semplicemente all'arena geonosiana per salvare Anakin, Obi-Wan e Padmé, ma in La saga di Skywalker, dobbiamo prendere un taxi attraverso Coruscant con Mace Windu, Kit Fisto e Ki-Adi Mundi, quindi volare a Geonosis, atterrare e dirigerci verso l'arena a piedi. Quegli ambienti open world esistono già per altri momenti più rilevanti nei prequel, quindi inserire quella sequenza nel gioco sembra effettivamente un riempimento.

Da un lato, ti dà più possibilità di sperimentare ed esplorare in modo naturale il vasto mondo aperto che TT Games ha creato - ed è davvero incredibilmente ampio - ma quando stai volando su un pianeta semplicemente per guardare un filmato, come accade su più di un'occasione, inizi a mettere in discussione alcune delle scelte narrative.

Un po' discutibile anche il doppiaggio, almeno a parts: quando TT Games è passato per la prima volta al dialogo (piuttosto che al borbottio, che può essere attivato qui nella extras menu) con LEGO Batman 2: DC Super Heroes e LEGO Il Il Signore degli Anelli, spesso faceva affidamento sull'estrazione dei dialoghi direttamente dal materiale originale. La chiave per farlo funzionare, tuttavia, è stata quella di combinare quelle battute con gag visive, o semplicemente di destreggiarsi tra l'ordine, per mantenere lo stile dello studio. classic senso dell'umorismo.

Nel La saga di Skywalker, lo studio ha apparentemente scelto di registrare dialoghi completamente nuovi, che aprono la porta per andare oltre i film con battute e battute originali (alcune delle quali funzionano, altre no). Sfortunatamente, apre anche un'altra porta: quella con un grande cartello che dice "questi non sono gli attori che stai cercando". Ascoltare i dialoghi del film che probabilmente possiamo tutti recitare a squarciagola pronunciati da nuovi attori – molti dei quali suonano solo come brutte impressioni – è abbastanza stridente da portarti momentaneamente fuori da questi mondi incredibili ed enormi in cui stai giocando.

Quei mondi aperti (probabilmente in virtù delle loro dimensioni) possono anche sembrare un po' vuoti a volte, con non molto altro da fare in certe aree che distruggere oggetti per gli stud (la valuta del gioco, invariata nei tagli dai precedenti LEGO titoli – argento, oro, blu e viola, da 10 a 10,000). Non è necessariamente una cosa negativa, perché riempire ogni angolo di missioni secondarie avrebbe potuto rendere questi spazi travolgenti.

Così com'è, ci sono ancora molte missioni in cui tuffarsi oltre le storie principali, ma non aspettarti nulla di troppo coinvolto: per lo più ripeterai lo stesso ciclo di gioco esplorando aree, chattando con gli NPC e picchiando i nemici. La maggior parte di queste missioni (alcune delle quali comportano un faticoso salto tra le galassie) ti ricompenserà con Kyber Bricks, La saga di SkywalkerLa versione dei mattoncini dorati, di cui ci sono un totale di 1,166 da collezionare – questo dovrebbe darti un'idea di quanto è racchiuso in questo gioco – e nuovi personaggi da sbloccare.

Significa che c'è praticamente sempre qualcosa da fare, anche se questa è la natura di LEGO videogiochi che probabilmente vorrai completare almeno una trilogia di film prima di avventurarti nella modalità di gioco gratuito. Esplorare la galassia non è così divertente quando ti rendi conto che devi ancora sbloccare un personaggio entro apartclasse icular e non puoi completare un puzzle o una missione che hai incontrato, quindi è meglio prima farti strada attraverso parte della storia.

Diciassette anni fa, TT Games ha colpito il petrolio LEGO Star Wars: Il videogioco. Non ha ripetuto lo stesso trucco con LEGO Star Wars: La saga di Skywalker – il ritmo è troppo veloce, le scelte della storia spesso bizzarre, il doppiaggio stridente – e ci sono troppi ingredienti familiari (e forse inevitabili) nel mix.

Eppure, c'è ancora abbastanza qui per elevarsi La saga di Skywalker al di sopra e al di là del resto dello studio LEGO biblioteca. È ambizioso, enorme e, forse la cosa più importante, ti divertirai, sia che tu stia affrontando ondate di droidi da battaglia o sparando a TIE Fighters. Siamo finalmente andati oltre la formula di base di LEGO videogiochi per qualcosa che sembra genuinamente fresco, anche se tutte le cose luccicanti sono in superficie, pur catturando la sensazione che stai solo giocando all'interno di una gigantesca scatola dei giocattoli.

LEGO Star Wars: La saga di Skywalker è ora disponibile su PlayStation 4, PlayStation 5, Xbox One, Xbox Series S/X, Nintendo Switch e PC. Guardare il nostro hub dedicato per i modi di acquistare e la migliore versione del gioco a cui puntare.

Sostieni il lavoro che Brick Fanatics fa acquistando il tuo LEGO usando il nostro Collegamenti affiliati.

- Domande frequenti -

Quando ha fatto LEGO Star Wars: La Saga di Skywalker è uscita?

A seguito di molteplici ritardi, LEGO Star Wars: La saga di Skywalker finalmente lanciato su tutte le principali piattaforme di gioco il 5 aprile 2022.

Che piattaforme è LEGO Star Wars: La Skywalker Saga è attiva ed è multipiattaforma?

LEGO Star Wars: La saga di Skywalker è disponibile su PlayStation 4, PlayStation 5, Xbox One, Xbox Series/X, Nintendo Switch e PC. Non c'è multiplayer online, il che significa che non c'è un gameplay multipiattaforma.

È LEGO Star Wars: Il multiplayer di Skywalker Saga?

LEGO Star Wars: La saga di Skywalker segue le orme del precedente LEGO videogiochi con multiplayer locale drop-in, drop-out, che consentono a due persone di giocare insieme sulla stessa console.

Quanti personaggi ci sono in LEGO Star Wars: La saga di Skywalker?

LEGO Star Wars: La saga di Skywalker contiene il più grande elenco di personaggi di tutti LEGO gioco fino ad oggi, attingendo da tutti e tre Star Wars trilogie, i suoi film spin-off e programmi TV attraverso il gioco principale e i contenuti scaricabili. Il gioco base include 376 personaggi, mentre il DLC porta il totale finale a 415.

Cos'è il LEGO Star Wars: L'edizione deluxe di Skywalker Saga?

La Deluxe Edition di LEGO Star Wars: La saga di Skywalker include il gioco base e il pass stagionale, garantendo l'accesso a tutti i pacchetti di personaggi scaricabili non appena saranno disponibili. Le copie fisiche della Deluxe Edition includono anche una minifigure di Blue Milk Luke gratuita.

Autore Profile

Chris Wharfe
Mi piace pensare a me stesso prima di tutto come un giornalista, LEGO secondo fan, ma sappiamo tutti che non è proprio così. Il giornalismo mi scorre nelle vene, però, come una specie di strano sangue letterario, il tipo che senza dubbio un giorno porterà a uno stressart malfunzionamento. È come fumare, solo peggio. Per fortuna, posso scrivere su LEGO fino ad allora.

Video Youtube

Chris Wharfe

Mi piace pensare a me stesso prima come un giornalista, poi come fan di LEGO, ma sappiamo tutti che non è proprio così. Il giornalismo mi scorre nelle vene, però, come una sorta di strano sangue letterario, il tipo che senza dubbio un giorno porterà a uno stressart malfunzionamento. È come fumare, solo peggio. Per fortuna, fino ad allora, potrò scrivere di LEGO.

3 pensieri su "LEGO Star Wars: Recensione di Skywalker Saga"

  • 10/04/2022 at 06:53
    Permalink

    Porca puttana che è stata una strada lunga e tortuosa per il divertimento.

    Rispondi
  • 10/04/2022 at 06:49
    Permalink

    Non hai menzionato lo schermo diviso verticale fisso per la cooperativa. Fa schifo. La telecamera è troppo vicina al personaggio e rende l'intero gioco claustrofobico e confuso. I giochi Lego sono molto migliori per il gioco cooperativo e ancora di più quando la telecamera e la divisione dello schermo sono dinamiche. Hanno mancato il bersaglio enormemente qui.

    Rispondi
  • 09/04/2022 at 15:18
    Permalink

    Non posso essere d'accordo con la recitazione vocale. Hanno scelto gli attori di Clone Wars (almeno per i prequel), quindi direi che offre ben oltre dandoci un piccolo assaggio di come sarebbe avere l'episodio 3 in stile Clone Wars.

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *